Immersioni Tecniche a Circuito Chiuso con Rebreather

Per molti subacquei tecnici i rebreather a circuito chiuso (CCR) sono la via da seguire quando si tratta di immersioni tecniche. I rebreather sono in circolazione da molti anni, pero’ ora stanno diventando sempre più popolari con il resto della comunità subacquea, infatti stanno entrando nell’arena di immersioni ricreative e sempre più nelle immersioni tecniche in caverne e relitti.

Ci sono molti vantaggi nell’immersione a circuito chiuso. Uno dei principali è che, poiché l’aria che respiri viene fatta ricircolare e fatta passare all’interno dell’assorbente chimico della CO2, (fissando la molecola di C (carbonio) ricicla l’O2) la tua riserva d’aria dura molto più a lungo rispetto alle immersioni tecniche a circuito aperto. Questa è una considerazione molto importante quando si effettuano immersioni più profonde di 50 o 60 metri. Un secondo aspetto è che quando ci si immerge con il Trimix, l’elio all’interno puo’ essere proibitivo in termini di costi. Per questo motivo la maggior parte dei subacquei tecnici, che amano scendere in profondita’, ora usa i rebreather.

A Rubicon Diving offriamo una gamma completa di corsi di addestramento del rebreather dai primi livelli fino all’istruttore. Tutti i nostri corsi rebreather seguono gli standard elevati di American Nitrox Divers International (ANDI).

Siamo in grado di fornire un addestramento su un’ampia gamma di rebreather; JJ CCR, SF2 backmount and sidemount, AP Diving Evolution and Inspiration, ISC Megalodon and Pathfinder, Liberty CCR, Poseidon MKVI and se7en.Tutte queste unità possono essere supportate con diluente da 2 o 3 litri e bombole di ossigeno a seconda delle esigenze, sofnolime, bail out con rig (7 litri e S80) e gas trimix normossici e ipossici.